Green Tour: alla ricerca dell’aria di qualità

Il Green Tour ha portato quattro persone a unire le proprie conoscenze per misurare gli IPA (idrocarburi policiclici aromatici) presenti nell’aria, georeferenziare le misurazioni e documentare con foto e descrizioni scritte il loro viaggio.

Polignano a Mare
Rilevazioni a Polignano a Mare

Il team si è diviso i compiti: c’era chi misurava ed elaborava i dati, chi fotografava e filmava i luoghi, chi georeferenziava ed infine chi scriveva il diario giorno per giorno fra trulli, affacci sul mare, centri storici e oasi protette.

Le località pugliesi toccate sono state Alberobello, Cisternino, Locorotondo, Martina Franca, Ostuni, Conversano, Fasano, Monopoli, Noci, Polignano, Putignano, Marina di Lizzano, Marina di Maruggio, Manduria, Gallipoli, Melpignano, Otranto, Lecce (Oasi Wwf Le Cesine, Bosco Rauccio), Brindisi (Torre Guaceto), Trepuzzi (Boschetto San Vito).

In tutto sono state effettuate 3100 misurazioni della qualità dell’aria mediante l’analizzatore portatile di IPA Ecochem PAS 2200 CE.

Nei 31 punti di misurazione della qualità dell’aria in 23 siti la strumentazione ha registrato “zero IPA”.

Quindi nel 74% dei siti la qualità dell’aria è risultata particolarmente buona e in alcuni casi eccellente.

In altri termini in alcuni siti monitorati vi sono state misurazioni in cui l’inquinamento da IPA (che sono cancerogeni) è risultato “zero”.

FotoCisternino
Rilevazioni a Cisternino

Livelli di eccellenza sono stati toccati ad Alberobello (Bosco Selva), Locorotondo (via Garibaldi), Monopoli (Bastione Santa Maria), Marina di Lizzano (fiume Ostone), Otranto (Monumento ai Martiri), Lecce (Bosco Rauccio), Manduria (San Pietro in Bevagna).

Un’ottima qualità dell’aria è stata riscontrata anche a Campomarino (Comune di Maruggio), Gallipoli, Ostuni, Martina Franca (Basilica di San Martino), Melpignano, Noci, Porto Cesareo.

Ad appoggiare il Green Tour sono stati diversi Comuni, media ed associazioni.

Lascia un commento